NOTHING BUT THIEVES: “Sorry”, il nuovo singolo in radio

Il ritorno radiofonico di una delle band alt-rock più amate

NOTHING BUT THIEVES
“SORRY”

da venerdì 6 ottobre in radio il singolo tratto dal nuovo album
“BROKEN MACHINE”

In concerto il 2 dicembre al Circolo Magnolia di Milano

Da venerdì 6 ottobre entrerà in rotazione radiofonica in Italia “SORRY”, il nuovo singolo dei NOTHING BUT THIEVES tratto da “BROKEN MACHINE”, il loro secondo album in studio prodotto da Mike Crossey (The 1975, Foals, Arctic Monkeys e Twenty One Pilots, per citarne alcuni) e registrato ai Ranch Studios in California.

Joe Joe Langridge-Brown, chitarrista del gruppo e autore del pezzo, spiega così il significato di “Sorry”: “il brano parla dell’invecchiamento e delle difficoltà che ne derivano. Parla del guardarsi dentro affrontando i propri demoni. Racconta di un individuo imperfetto che non riesce a mantenere un rapporto, a discapito di se stesso e della partner.”

Paragonati spesso ai primi Radiohead o ai Muse, dei quali hanno aperto diverse date importanti, i Nothing But Thieves l’estate scorsa si sono esibiti nei più importanti festival europei, tra cui il Glastonbury, e hanno aperto il 17 giugno l’i-Days Festival nella serata che ha visto alternarsi sul palco Linkin Park, Blink-182 e Sum 41 davanti a un pubblico di 80 mila persone. Il gruppo tornerà in Italia per un unico concerto il 2 dicembre al Circolo Magnolia di Segrate (Milano).

Gli ultimi 18 mesi per i Nothing But Thieves sono stati a dir poco epici: il loro omonimo disco di debutto ha venduto più di 250 mila copie e ha collezionato più di 175 milioni di streaming finora, diventando l’album inglese più venduto negli Stati Uniti nel 2016.

I cinque ragazzi di Southend-on-Sea nell’Essex sono passati dal suonare per pochi amici ai sold out nei locali, al tour con i Muse, a essere headliner nei festival in Europa, negli Stati Uniti, fino in Corea del Sud, dove hanno suonato per più di 20mila persone. I Nothing But Thieves sono riusciti a guadagnarsi oggi una fedele fanbase che li segue ovunque.

Ufficio Stampa SONY MUSIC

La Redazione