DECIBEL: Il 10 marzo 2017 uscirà il nuovo album “NOBLESSE OBLIGE” – SONY MUSIC

1977 – 2017
A distanza di 40 anni…
la reunion dello storico gruppo punk fondato da

ENRICO RUGGERI

Press release

Il 10 marzo 2017 uscirà il nuovo album

“NOBLESSE OBLIGE”
con 12 brani inediti e 3 grandi successi
Da venerdì 16 dicembre in preorder la Superfan Limited Edition
Da Marzo in tour in tutta Italia!

Siamo nel 1977. Mentre il punk prende piede in tutto il mondo, tra i banchi di scuola del Liceo Berchet di Milano, Enrico Ruggeri fonda i DECIBEL insieme agli amici Silvio Capeccia e Fulvio Muzio.

A marzo i Decibel saranno in tour. Queste le prime date confermate:

17 marzo – Crema (Cr) Teatro San Domenico
18 marzo – Pomezia (Rm) Club Duepuntozero
25 marzo – Foligno (Pg) Auditorium San Domenico
28 marzo – Torino Club Le Roi
29 marzo – Asti Teatro Palco 19
10 aprile – Milano Teatro della Luna

*Il box, a tiratura limitata e numerata, contiene il nuovo album in vinile doppio (10”), il cd con extra track, il vinile 12”, 33 giri “Punk”, il vinile 12”, 33 giri “Vivo da re”, il vinile 45 giri del primo singolo “Indigestione Disco/Mano armata”, il poster del primo concerto, il poster dell’ultimo tour, un book fotografico di 48 pagine, una foto autografata dalla band, una T-shirt esclusiva e un DVD documentario.

DECIBEL

Biografia

1974: in un deposito di pellami in viale Caldara a Milano quattro ragazzi tra i 15 e i 17 anni passano i pomeriggi a suonare. Tra di loro ci sono Silvio Capeccia ed Enrico Ruggeri, hanno legato subito, amano la stessa musica, Lou Reed, Bowie, i Roxy Music. I due passeranno i tre anni successivi a cambiare compagni di avventura, inseguendo il sogno di una musica diversa da banalità nazionalpopolari e noie cantautorali… Poi Enrico viene travolto dal ciclone punk, e fonda una nuova band che chiama DECIBEL. Grazie a un finto concerto da lui organizzato che genera scontri tra i punk e la Milano “dura e sinistra” arriva al primo album, aprendo la strada a tutto un movimento, un album che vende poco, ma che rimane scolpito nella leggenda del rock. La separazione da Silvio, però è solo temporanea: dopo la prima esperienza la band si dissolve e i due amici si ritrovano. Chiamano subito Fulvio Muzio, compagno di classe di Enrico al liceo Berchet, da sempre in perfetta sintonia con lui. Dopo “Indigestione disko”, un singolo che segnala i nuovi DECIBEL come portatori di una nuova ventata di originalità la band è pronta al grande salto: nel 1980 sbancano al Festival di Sanremo con “Contessa”, alla quale segue l’album “Vivo da re”. Il successo di critica e di pubblico è travolgente, forse troppo per dei ragazzi poco più che ventenni. Coinvolti loro malgrado da litigi tra i loro produttori, beghe legali e problemi contrattuali finiscono per prendere strade diverse: Enrico dà vita a una carriera solista, sempre in bilico tra rock e musica d’autore, mentre i suoi due amici affiancano la musica, che mai abbandonano (due album al loro attivo e vari lavori tra musica ambient e musicoterapia) a una brillante carriera medica (Fulvio) e imprenditoriale (Silvio). Negli anni, però, si incontrano sempre più spesso, non solo in Italia: vanno a Londra assieme per vedere un concerto degli Sparks, poi decidono di esibirsi a sorpresa e in segreto alla festa di un loro amico.

Si sta insinuando il pensiero di fare di nuovo musica assieme. “Proviamo a scrivere, se non esce nulla di importante che possa lasciare un segno come i DECIBEL di allora buttiamo via tutto”. Le canzoni arrivano, Enrico le fa sentire “per curiosità” ad Andrea Rosi, presidente della Sony, e a Marco Poggioni, suo manager: poche ore dopo sono pronti due contratti, accompagnati dalla stessa frase, “se non andate avanti vi ammazzo”.

La Redazione