Nirvana: “Nevermind” 1991

nirvana-nevermind-cover
Il disco rock più importante degli anni 90. Quello che ha definito i confini tra il nascente movimento grunge di Seattle e la storia della musica successiva alla pubblicazione. Il pop delle melodie, unito all’esecuzione tipicamente punk, con riff leggendari ai limiti del metal lo hanno fatto diventare un classico.
Il riff memorabile di “Smells like teen Spirit” la rende la canzone pop definitiva. “Come as you are”, con il suo testo ironico, contraddittorio e spiazzante è un altro classico.
Anche quando le atmosfere diventano pià acustiche ci troviamo di fronte a dei piccoli gioiellini musicali come “Polly” o “Something in the Way”, accompagnata da un violoncello molto malinconico e che rende benissimo un periodo non molto positivo di Kurt.
In copertina il bambino di appena cinque mesi, all’anagrafe Spencer Elden, immortalato senza saperlo su milioni di copie vendute con l’amo e la banconota che sono opera di un fotomontaggio.
Dopo l’uscita l’album dei Nirvana scalzò “Dangerous” di Michael Jackson dalla vetta della top 200 di Billoboard, un traguardo unico e la forza del songwriting influenzò tutto quello che è stato prodotto successivamente.

 

La Redazione